Home » Programmi Frequent Flyer » Le Miglia aeree: introduzione ai programmi frequent flyer

Le Miglia aeree: introduzione ai programmi frequent flyer

Frequent Flyer raccolta miglia
Tessere normali, silver e oro: sono i vari livelli delle raccolte miglia Frequent Flyer. Arrivare all'oro non è impossibile!



Ogni compagnia aerea ha il proprio programma di raccolta di miglia. Ma cosa sono questi programmi “frequent flyer”?

Con questo articolo iniziamo dalle basi poi, se l’argomento vi interessa, andate a leggere il resto della nostra guida, con gli articoli più “avanzati”. Potrete capire come sfruttare al meglio la vostra raccolta miglia e potrete scoprire i segreti per accumularne tante in poco tempo.

Frequent Flyer: cos’è e come funziona

In breve, si tratta di raccolte a punti mirate alla fidelizzazione dei clienti delle compagnie aeree che, letteralmente “volano di frequente”. Più si vola con la compagnia e più si accumulano punti (miglia), che poi potranno essere spesi per avere biglietti o altri premi o benefici.

La raccolta dei punti serve anche ad attribuire uno “status” al viaggiatore (in genere, con nomi altisonanti quali “gold” e “silver”). Più punti si accumulano e più si verrà tenuti in considerazione dalla compagnia, con benefit quali priorità, upgrade, accesso alle lounge aeroportuali, sconti speciali, ecc.

Lo scopo è evidente: invogliare il viaggiatore a scegliere sempre la stessa compagnia. Funziona talmente bene che non esiste compagnia aerea che non abbia, da sempre, il proprio programma di fidelizzazione. Non solo: il sistema è talmente collaudato che ormai i programmi si somigliano tutti come funzionamento, tipo di premi, modalità di accumulo, ecc. Questo ci consente di semplificare molto la spiegazione di come funzionano: capito uno, capiti tutti!

Da dove iniziare

Quale scegliere?

Ovviamente, la prima scelta da fare è a quale (o a quali) raccolte partecipare. La risposta ovvia può essere quella di scegliere il programma della compagnia con la quale volate più frequentemente. In realtà non è proprio così, per vari motivi. Ne parliamo più approfonditamente nell’articolo dove confrontiamo i vari programmi; per adesso vi basterà sapere che conviene iscriversi a tutti i programmi delle compagnie con le quali si fa anche solo 1 volo, ma che ci si deve poi concentrare solo su di una raccolta.

Iscrizione

Frequent Flyer raccolta miglia
Tessere normali, silver e oro: sono i vari livelli delle raccolte miglia Frequent Flyer. Arrivare all’oro non è impossibile!

La prima cosa da fare per partecipare è iscriversi. L’iscrizione è sempre gratuita e senza impegno. Ormai si fa unicamente attraverso il sito ufficiale della compagnia, inserendo i propri dati e scegliendo una password che servirà a collegarsi al proprio pannello personale, dove avrete traccia di tutti i movimenti e del saldo punti.

Se avete deciso di volare con una certa compagnia, vi consigliamo di iscrivervi al suo programma frequent flyer prima di prenotare il biglietto. Questo perché spesso si possono avere da subito benefit quali maggior bagaglio in stiva o sconti, anche se si hanno zero punti. Ottimo!

Richiesta della Tessera

Da notare che inizialmente non riceverete alcuna tessera fisica, ma solo una versione stampabile. Se poi accumulerete effettivamente delle miglia, la compagnia vi spedirà certamente la vostra card plastificata, che fa sempre bella figura nel proprio portafogli!

Guadagnare e Spendere Miglia

Accumulo Miglia/Punti

Si parla di “miglia” perché in genere i punti sono proporzionali alla lunghezza del volo, che si misura appunto in miglia. Praticamente tutte le compagnia adottano lo stesso sistema che vi spieghiamo con un esempio: se tra i due aeroporti ci sono 1.000 miglia, si accumulano 1.000 punti per tratta, aumentati o diminuiti di una percentuale che dipende dal tipo di biglietto. Capita così che biglietti scontati diano solo il 25% delle miglia (250 nel nostro caso), o magari biglietti di business class anche il triplo (3.000).

Le miglia si accumulano però anche in altri modi: convertendo punti di altre raccolte, acquistando altri servizi in volo o in aeroporto, con bonus legati a eventi e altri modi studiati dagli esperti di marketing della compagnia. Saper sfruttare al meglio questi modi di accumulo è il vero segreto per avere tante miglia in poco tempo, anche senza volare molto. Su questo punto importante abbiamo scritto vari approfondimenti, la cui lettura vi farà capire come accelerare la raccolta.

Le Miglia “qualificanti”

Quasi tutte le raccolte hanno in verità due conteggi separati per due diversi tipi di punti. Quelli “normali” che servono per aggiudicarsi i premi, e i punti “qualificanti”, che servono ad attribuire lo “status” personale al viaggiatore. I livelli di “status” danno vantaggi quali priorità nella prenotazione, accesso alle lounge aeroportuali, corsie preferenziali in aeroporto, upgrade di classe, maggiori bagagli, accesso a promozioni.

Si tratta di benefit molto utili a chi è davvero un frequent flyer e che possono essere ottenuti solo da chi è davvero un frequent flyer. Le miglia qualificanti sono infatti più difficili da ottenere di quelle normali, perché possono derivare quasi unicamente dalla prenotazione di voli, e non dalla conversione di altri punti o da altre spese.
Noi che siamo a caccia dei biglietti omaggio, ci concentreremo quindi sulle miglia “normali”.

Richiedere i Premi

Avere i premi è generalmente semplice: si consulta il catalogo online della raccolta e, se si hanno punti/miglia sufficienti, si richiede il premio. In genere c’è molta scelta, ma la cosa più logica (e conveniente) è riscattare un volo.

La cosa può essere fatta tramite uno specifico sistema di prenotazione, che in genere trovate online dopo esservi loggati con il vostro numero e password.
Occorre un sistema di prenotazione specifico per vari motivi, in primis vi deve indicare il “costo” del volo in miglia, non in euro. Poi, la scelta di voli premio è sempre più ridotta rispetto al sistema di prenotazione principale, così come le disponibilità di posti. In compenso, è sempre possibile riscattare a scelta voli della compagnia ma anche delle compagnie partner.
Un aspetto molto critico riguarda poi le tasse aeroportuali. Queste vanno infatti sempre pagate a parte, e spesso costituiscono un costo non da poco, anche fino a un terzo del costo del biglietto!

Per questi motivi, ci sono vari accorgimenti per sfruttare al meglio i propri punti, ne parliamo in un articolo dedicato.

La raccolta è sempre personale

Uno degli aspetti più interessanti di questi programmi è che la raccolta è sempre personale. Questo significa, ad esempio, che chi vola per lavoro con biglietti pagati dalla propria azienda, può/deve  accumulare i punti sulla propria tessera personale. Stessa cosa se si viaggia in coppia: indipendentemente da chi abbia richiesto e pagato i biglietti, i punti possono/devono essere accumulati solo sulle rispettive tessere personali.

In genere, c’è invece libertà per la destinazione dei premi, per cui si può decidere di riscattare da un’unica raccolta due biglietti per volare in coppia, o magari regalare un viaggio ad un amico.

E’ tutto più chiaro? Se avete capito cosa sono e come funzionano i programmi frequent flyer di raccolta miglia aeree, allora siete pronti ad iniziare la vostra raccolta, non prima però di aver letto la nostra guida su come accumulare punti facilmente e su come usarli al meglio.


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)