Home » News Voli » Vulcano Islandese e voli: le cose da sapere

Vulcano Islandese e voli: le cose da sapere

eyjafjallajokul
Eyjafjallajökul: il vulcano Islandese che ferma i Voli...


Anche chi non viaggia avrà di certo appreso dai telegiornali dell’emergenza per il mondo del trasporto aereo dovuta all’eruzione del vulcano Islandese che, con le sue ceneri, sta rendendo impraticabile la maggior parte dello spazio aereo Europeo, con conseguente stop di gran parte dei voli. Abbiamo voluto raccogliere alcune brevi cose da sapere, cose che solitamente il TG non dice mai, ma che sicuramente vi siete chiesti…

eyjafjallajokul
Eyjafjallajökul: il vulcano Islandese che ferma i Voli…

Cosa succede a chi era in transito? Chi ha avuto la sfortuna di essere nell’area transiti nel momento dello stop dei voli di Venerdi 16, è… tutt’ora prigioniero del gate, se lo Stato di transito richiede un visto sul passaporto, che evidentemente il viaggiatore non ha.  E’ una situazione paradossale al pari di quella del film “The Terminal”, ma sta riguardando centinaia di persone!

Qual’è il nome del vulcano Islandese? Quasi nessuno lo dice o lo scrive… il motivo è semplice, questo è il nome: Eyjafjallajökul sfido chiunque a pronunciarlo!

Perché la nube ferma i voli? Gli aerei hanno i radar e sono abituati a volare dentro le nuvole, a visibilità zero… non si tratta di un problema di visibilità, la questione è che la nube contiene polveri potenzialmente pericolose per il metallo degli aerei. La carlinga ed ancora più i motori che dovessero passare attraverso questa nube, ne risulterebbero come smerigliati, con gravi rischi soprattutto di danneggiamenti alle delicate pale delle turbine. In realtà, nessuno ha dei dati precisi sulla composizione e la concentrazione di queste polveri, per cui lo stop è per pura precauzione.

Ma gli aerei non potrebbero volare, evitando per tempo le zone con addensamento di polveri? Potrebbero, se il radar riuscisse ad indicarle, cosa che purtroppo non riesce a fare.

Quanto durerà l’emergenza? Anche a questa domanda, nessuno sa dare una risposta. Da un lato è vero che queste eruzioni possono durare dei mesi, dall’altro sono sempre più violente nelle fasi iniziali. Tra le variabili da tenere in considerazione, anche le correnti meteo e la possibilità di altre eruzioni, come quella del vicino vulcano Hekla.

Perchè l’eruzione ha creato questa strana nube? Succede per via della presenza di un ghiacciaio sopra il vulcano: l’acqua entra in contatto con il magma incandescente e crea esplosioni, che mandano a chilometri di altezza schizzi di magma che si raffreddano, formando le polveri.

Quali sono i rischi per i voli, a lungo termine? Le compagnie stanno accelerando per poter tornare a volare, e sicuramente capiterà che migliaia di aerei passeranno attraverso queste polveri, magari in zone a bassa concentrazione, non riscontrando nell’immediato alcun problema. Sarà tuttavia importante verificare gli effetti delle polveri sulle zone più delicate degli apparecchi, per evitare guasti magari nei mesi a venire. Ma in questo senso, siamo sicuri che le rigidissime norme Europee per il volo richiederanno i controlli più approfonditi!


2 commenti

PER INSERIRE UNA DOMANDA, SCORRI A FINE PAGINA
  1. admin
    admin

    Marina: ad oggi i voli sono ripresi quasi del tutto, comunque i problemi maggiori ci sono stati per il Nord Europa, per te che vieni da Sud non dovrebbero esserci problemi neanche in caso di un riaggravio della situazione.

  2. marina

    mi trovo in sud africa e a fine mese devo rientrare in italia…mi devo preoccupre per il mio volo?

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)